venerdì 28 luglio 2017 -  Fai diventare questo sito la tua Home Page  Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti  Contattaci  
Home page


Home Page > Associazione Lolek Onlus > Il cuore ...

Il cuore ...

  ...  di Credaro

 Anche tanti amici di Credaro si sono lasciati contagiare dal fuoco della missione, dal desiderio di essere un aiuto concreto per chi ha più bisogno. Sono stati raggiunti da sr Angela e Sonia, che volentieri condividono il vissuto.

E’ tutta un cuore la chiesa di San Giorgio a Credaro e prima ancora di entrare abbiamo incontrato già il cuore dei parrocchiani che, di fronte a suor Angela Salvi, pare abbiano visto la Madonna di Lourdes (e chi conosce Credaro sa che la Madonna di Lourdes è in cima alle devozioni).

A dire il vero non so se siano più emozionati i credaresi o la sorella che oggi ha potuto concedersi questa scappata in Valle Cavallina e, nel vedere luoghi e soprattutto volti, è riempita dai ricordi: “Avevo poco più di vent'anni quando cominciai il servizio pastorale in questa parrocchia – mi dice suor Angela – sono cresciuta con loro!”.

Forse cresciuta non è il termine più adatto per questa piccola sorella, che, al di là della statura, ha saputo mantenere una gioia e uno stupore che le illuminano gli occhi.

Per me, invitata in parrocchia come rappresentante dell’associazione Lolek Onlus, è una bella sensazione sentire il calore dell’accoglienza che ci viene riservata.

Insieme a suor Angela e Marina attraversiamo la strada e siamo scortate in chiesa dalla Adri, dentro ci sono già Angelo e Gina che hanno aderito all'invito.

Ci sistemiamo nelle prime file, proprio accanto alla junior band, una nutrita orchestra di giovanissimi che ha una sapiente direzione femminile.

Per la descrizione dell’altare rimando alle belle fotografie, il tema dominante è quello del cuore che viene declinato anche nella Natività, rappresentata dalle sagome di Maria e Giuseppe come due metà delle stesso cuore che si schiude per aprirsi e fare spazio a Gesù.

Dalle parole di don Giovanni comprendiamo che il cuore ha accompagnato e accompagna bambini e adulti nel percorso dell’Avvento e nel Tempo di Natale, non come un’emozione fugace, ma come concretezza di vita che sa aprirsi all'Altro e dunque all'altro.

C’è un filo rosso che lega i momenti forti della vita in parrocchia, un filo che sa disegnare un cuore e che aiuta a condividere il cammino, come in cordata, un filo che non si chiude come un recinto, ma si snoda al di fuori dei confini della parrocchia, fino a raggiungere un Paese visitato in pellegrinaggio e scelto come destinazione del proprio impegno solidale.

Così, al termine della preghiera e delle musiche, mi consegnano un cesto fatto di cuori con un’offerta generosa che arriverà ai bambini polacchi conosciuti dalle sorelle Orsoline che vivono a Nurzec Stacia e a Legionowo.

Dopo la preghiera andiamo in oratorio insieme a Paola, Fausta, Loris e Adriana, un percorso brevissimo che per noi dura 5 minuti (pur con le stampelle) e per sr Angela più di mezz'ora, tra saluti, abbracci, dialoghi e sorrisi.

Verso sera, torniamo a casa e anche il viaggio in auto diventa spazio di confronto e tempo di amicizia.

Sonia Piccinali


Ci sono tanti modi di fare solidarietà, ma per crescere e divenire persone solidali abbiamo tutti bisogno di qualcuno che ce lo testimoni. Credo sia stato proprio questo che più mi ha commosso mercoledì 6 gennaio 2016, quando, con Sonia (presidente della Lolek) e Marina, sua sorella, mi sono recata a Credaro. In Chiesa i bambini sono stati invitati per un momento di preghiera attorno a Gesù Bambino, nato dall’Amore Infinito di Dio che ha trovato accoglienza nel cuore di Maria e Giuseppe; le sagome, che sull'altarerappresentavano i genitori di Gesù, unite formavano proprio un cuore grande. I primi testimoni del farsi dono sono proprio loro: Maria e Giuseppe, una famiglia. Contemplare il loro stile è stato il cammino di tutto l’Avvento anche per i bambini e le famiglie di Credaro, che piano piano, settimana dopo settimana, hanno visto questo cuore spalancarsi sospinto dall'Amore di Dio stesso, affinché Gesù potesse nascere. Ogni famiglia ha ricevuto l’invito ad allargare il cuore a famiglie povere: ciascuno avrebbe potuto mettere da parte qualcosa da offrire per i bambini della Polonia. Ecco allora che, nell'ultima parte della preghiera di mercoledì, bambini e adulti hanno portato il loro dono, proprio sull'esempio della Santa Famiglia.

Per me Credaro è famiglia, in questa parrocchia, da giovane suora, ho vissuto l’esperienza della catechesi, del CRE, dei campi estivi … dalla gente di Credaro ho imparato la generosità, l’accoglienza, la fiducia, la collaborazione e la sete della Parola e della fraternità. Per me, quindi, tornarci è sempre dono che ricevo in abbondanza. Per questo e per la solidarietà dimostrata per le missioni in Polonia ringrazio. Un grazie al Parroco, ai Catechisti, ai membri della Junior Band, e a Sonia e marina cha mi hanno invitata e accompagnata. Grazie all'Associazione Lolek per la testimonianza e l’aiuto generoso.

Suor Angela



Anche nel quotidiano Eco di Bergamo del giorno 9 gennaio 2016 è stata riportata l'esperienza:

"Credaro è ancora molto legata alle suore Orsoline presenti nel paese fino ad un decennio fa, importante punto di riferimento nella gestione dell'asilo. Proprio per questo alcuni cittadini hanno voluto aderire a Lolek Onlus (Lolek è il nomignolo che gli amici avevano dato a Carol Wojtyla futuro San Giovanni Paolo II), un'associazione nata nel 2006 per sostenere progetti di aiuto missionario legati all'Istituto delle suore Orsoline di Gandino, un sodalizio che, fra le altre cose, ha il compito di coordinare gli aiuti in Polonia a favore di chi vive in situazioni di disagio.

Qui, grazie al volontariato, sono nate tre case: due realtà di accoglienza a Legionowo (una scuola per l’Infanzia e una casa di accoglienza per ragazze madri) e Casa Betania a Nurzec, un luogo per gruppi che intendono trascorrere momenti di formazione missionaria, esperienza e percorsi di preghiera. Chi entra e vi sosta, spesso ritorna – dice chi ha fatto questa esperienza -. Chi resta è spesso contagiato da queste esperienze e si lascia coinvolgere. Il bene fatto, dai tanti volontari, e fra essi, appunto anche i nostri alpini bergamaschi tra i quali pure Battista Bellini (capogruppo degli alpini di Credaro dal 1981), senza tanto rumore ha portato linfa nuova e ha prodotto gesti di solidarietà, che si è allargata coinvolgendo altre persone.

Da alcuni anni la parrocchia di Credaro organizza in coincidenza con la festa dell’Epifania, la Giornata dell’Infanzia missionaria con una raccolta fondi a favore delle iniziative missionarie. L’apice di questo momento di solidarietà si è tenuto il giorno dell’Epifania: la Junior band del complesso musicale bandistico I giovani di Credaro si sono esibiti in un concerto a sostegno delle iniziative delle suore Orsoline in Polonia.

Ma.Do.





 Scatti fotografici
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Scatto sulla Junior band Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Giovani animatori Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Con il parroco, don Giovanni Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
I catechisti animano la preghiera Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
sr Angela e Sonia Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Il cuore ... dell'altare Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Dai più piccoli la consegna del cesto offerta Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
In preghiera Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
la Junior band del complesso musicale bandistico Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore
Il saluto di una catechista Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
 
 
Spaziatore
 
 
Spaziatore


Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
 
Suore Orsoline - di Maria Vergine Immacolata - Via Masone, 20/a - 24121 Bergamo (BG) - Tel. 035 242642 - Fax 035 226013 - info@orsolinegandino.it - P.I. e C.F. 00660710161
Suore Orsoline - P.I. e C.F. 00660710161 - Ver. 1.0 - Copyright © 2017 Suore Orsoline - Privacy policy - Powered by Soluzione-web