Con la musica nel mistero

   

Unaparticolare e intensa pennellata musicale nella serata della seconda domenicadi Pasqua: elevazione con il Coro di Voci Virili per le iniziative checelebrano il Bicentenario di fondazione dell’Istituto delle Suore Orsoline diGandino e la chiusura della mostra “Remigio da Gandino. Il colore di una vita”.

L’annogiubilare č da poco avviato, tutte le Orsoline di Gandino nelle diverse parti delmondo sono coinvolte; in contemporanea la fortunata e molto visitata mostra delpittore gandinese che ha restituito memoria e prestigio alla sua figura. Per darecolore agli eventi, sono stati posti in calendario una serie di manifestazionianche musicali svolte nella bella Chiesa dei Santi Carlo e Mauro del Monasterobenedettino.

Čpresente il Coro degli Amici della Musica Sacra e il Quintetto d’Archi“Prelude” nella elevazione musicale dedicata alla celebrazione del MisteroPasquale della domenica in Albis Depositis, della Divina Misericordia, cuoredella fede cristiana e fonte di speranza per ogni uomo.

Un programmaeterogeno nelle forme e nei contenuti: attorno al dolce e raffinato smalto dellacelebre “Messa Jucunda” del Vittadini con i suoi toni inequivocabilmentegioiosi, č stata ricostruita una “Missa in Dominica Resurrectionis, alternandocon la tinta contrastante del Proprium Gregoriano: un assaggio nostalgico dimodi, sonoritŕ e principi del Movimento Ceciliano particolarmente caro aiCoristi. Sono stati eseguiti brani di Oreste Ravanello, Luigi Picchi, Giuseppe Verdi, Cesare Franco, GiuseppePedemonti, Guido Gambarini, Antonino Maugeri.

Č seguitauna proposta operistica con tematiche religiose, con la celeberrima “Verginedegli Angeli”:

La Vergine degli Angeli vi copra del suomanto,
e voi protegga vigile di Dio l’AngeloSanto.

Lalimpidezza e la potenza delle voci virili ha riempito la bella e luminosacappella benedettina gremita di amici desiderosi di ascoltare, di lasciarsiaccompagnare e immergere, da antiche note, dentro il mistero della salvezzadonata all'uomo.

Ilgrazie reciproco espresso nel caloroso e prolungato applauso di quanti insilenzio hanno gustato le molteplici polifonie, č stato convalidato da ungradito e prezioso gesto: i primo figlio del pittore Remigio, a nome della suafamiglia ha consegnato alla Madre generale e a tutte le Orsoline un quadro,raffigurante le mura esterne meridionali del convento di Gandino in cui spicca ilcampanile della Basilica dell’Assunta.







 

Copyright © 2018 Suore Orsoline